DISCEFA CONTINUA A ESSERE UN RIFERIMENTO NEL SUO SETTORE; PREVISIONI PER IL 2019

Back to Posts

Share this post

Discefa, conferma la sua leadership alla fine del 2018. E questa tendenza si ripete nella prima metà del 2019, mesi in cui abbiamo affrontato le sfide che avevamo stabilito con grande successo. Tutto questo grazie alla fiducia che i nostri clienti ripongono nei nostri prodotti.

Il polpo Discefa arriva sugli scaffali dei supermercati

A nessuno sfugge al fatto che il polpo è diventato la stella dei prodotti del mare.
I consumatori amano il suo sapore, come pure la sua versatilità e la facilità con cui si consuma. Negli ultimi anni ha fatto il salto dalle pescherie ai frigoriferi dei prodotti surgelati, crudo o preparato nel modo più tradizionale. I grandi marchi hanno puntato su di esso. E ora noi, specialisti in questo prodotto, abbiamo deciso di alzare la testa e unirci a questo settore del mercato.

Per anni, Discefa è stato il primo specialista di questo cefalopode congelato per volume commercializzato (secondo il Ranking Alimarket) per i professionisti. Abbiamo creduto fermamente che l’evoluzione logica fosse raggiungere il consumatore finale: quelle persone che vogliono mangiare in modo sano ma non hanno il tempo di acquistare prodotti freschi. Ecco perché la nostra strategia si è concentrata sull’accesso alle grandi superfici: ai supermercati e agli ipermercati.

Sotto il marchio el Rey del Pulpo viene commercializzato in diversi formati per soddisfare le esigenze di tutti. Vassoi di 200 grammi, 300 o 400 polpi in tentacoli e anche mezzi polpi. La grande differenza di questo marchio rispetto ad altri con cui condivide gli scaffali è nella qualità. E siamo convinti che non tutti i polpi sono uguali, quindi continuiamo a scommettere sulla massima eccellenza nelle materie prime che utilizziamo per elaborare i prodotti. Offriremo una qualità extra, come quella che negli ultimi quattro anni i nostri distributori hanno ricevuto con l’insegna Tentak.

Investimenti e risultati per il 2018

La strada per arrivare a questo è stata lunga. Innanzitutto, investimenti di 1,4 milioni di euro nello stabilimento che abbiamo a La Coruña, nella località di Cambre. Abbiamo considerato essenziale la creazione di una linea di produzione per il settore retail, con robot che sono responsabili di gran parte dei processi, come quello di congelamento, che è stato anche migliorato lo scorso anno. Sono state inoltre installate camere bianche speciali per il confezionamento e il mantenimento del prodotto refrigerato. Questo ci ha permesso di ottenere nel 2018 certificazioni come IFS e MSC. Oltre al nostro impegno a rendere la pesca sostenibile l’unica opzione, sosteniamo attivamente i progetti di miglioramento della pesca (FIP, nell’acronimo inglese) in alcune delle principali zone di pesca del mondo, come la Mauritania e il Messico.

Importante quanto la collaborazione per la conservazione e la sopravvivenza dei nostri mari e delle specie che li abitano, è per noi salvaguardare la sicurezza alimentare nei processi produttivi. Motivo per cui selezioniamo meticolosamente i nostri fornitori e distributori e ci prendiamo cura di ciascuna delle nostre procedure interne.

La società ha fatturato 91,2 milioni di euro l’anno scorso: l‘8,3% in più rispetto al 2017, grazie alla vendita di 9.250 tonnellate. Nel 2019 la previsione contempla circa 86 milioni di euro: una diminuzione dovuta alla correzione dei prezzi al ribasso.

Tutto ciò nonostante il fatto che nell’agosto dello scorso anno il prezzo del polpo avesse raggiunto il massimo storico. Ecco perché abbiamo dovuto adeguare i prezzi evitando che il consumatore finale se ne accorgesse nel suo portafoglio. Ciò ha avuto un effetto negativo sui margini e sui risultati, nonché sul consumo di questo prodotto in Spagna. Grazie alla nostra presenza in altri mercati siamo riusciti a superare la tempesta. Ed è che l’86% della nostra produzione va oltre i nostri confini con una grande presenza nel mercato statunitense, dove abbiamo una filiale, Ditusa.

2019: previsioni e correzione dei prezzi

Fino ad ora eravamo riusciti ad entrare in più di 40 paesi attraverso distributori locali, ma i destinatari dei nostri prodotti erano principalmente i professionisti della ristorazione. Il nostro prodotto di punta in questo mercato è il polpo intero congelato e pronto per essere utilizzato nelle diverse elaborazioni e combinazioni di sapori che i maestri della cucina vogliono darti. Ma ora il consumatore finale può anche godere di questo sapore di primissima qualità il che è possibile solo grazie al fatto di acquistare da coloro che ancora pescano in modo artigianale e tenendo conto dell’importanza della sostenibilità degli oceani e dell’ambiente.

Il nostro obiettivo è che in quest’anno 2019 si possano abbassare i prezzi e fare sì che ogni tipo di consumatore possa assaporare l’autentico polpo di prima qualità con cui lavoriamo in Discefa. Il costo della materia prima è sceso a livelli simili a quelli del 2016 e vogliamo che anche il consumatore lo percepisca. Questo è il motivo per cui andremo a realizzare una correzione dei prezzi anche se i nostri margini ne risentiranno ancora. L’obiettivo è che il consumo del re del mare torni ad aumentare.

Durante quest’anno stiamo anche lavorando per aumentare la capacità della nostra fabbrica. Stiamo costruendo, su un terreno annesso allo stabilimento che abbiamo attualmente a Cambre, un magazzino frigorifero di grande volume, che speriamo possa essere operativo entro la fine del 2019.

La nostra grande sfida per questi mesi e l’anno prossimo è, come abbiamo già detto, che il polpo di Discefa possa essere presente in ogni casa. Che chi lo desidera possa gustarne il sapore e offrirlo ai propri ospiti. Che si possa approfittare delle sue grandi proprietà molto benefiche per l’organismo e per coloro che vogliono prendersi cura della propria linea. Beninteso, senza perdere nemmeno un po’ della qualità e dell’eccellenza che ci contraddistinguono.

Back to Posts